La storia di un veicolo elettrico: Il viaggio dell'eroe

Dal richiamo all'avventura ai profondi abissi, fino all'epica rinascita, la storia del veicolo elettrico ha tutte le caratteristiche di una grande storia.

White and red light from a Polestar 2 illuminating the darkness.

Il viaggio dell'eroe è una narrazione comune nel cinema e nella letteratura, in cui un protagonista parte per un'avventura che cambierà per sempre la sua vita. Delineata per la prima volta dall'autore americano Joseph Campbell, puoi ritrovare questa struttura in quasi tutti i tuoi film d'avventura preferiti. Da Frodo Baggins, Luke Skywalker o Mulan, tutti seguono le stesse tappe nei loro viaggi eroici.Il viaggio del veicolo elettrico è una storia raramente raccontata nelle pagine di un romanzo o sul grande schermo. Tuttavia, come tutte le storie epiche, è una storia che vale la pena raccontare.Il primo passo del percorso letterario del Viaggio dell'eroe è il richiamo dell'avventura. Sebbene esistano prove di veicoli elettrici in scala ridotta già negli anni '30 del XIX secolo, queste auto erano poco più che prototipi. A causa del sottosviluppo dello sterzo, delle basse velocità e dell'autonomia limitata, solo alla fine del 1800 fu introdotto il primo veicolo elettrico vero e proprio William Morrison, un chimico americano di professione, costruì un veicolo a sei passeggeri in grado di raggiungere una velocità massima di 23 km/h. Sebbene non si trattasse di molto più di una carrozza elettrificata, questo modello contribuì ad accendere l'interesse per i veicoli elettrici e segnò l'inizio della nostra avventura dei veicoli elettrici.La seconda fase è definita dalle sfide e dalla crescita del nostro eroe. Al volgere del XX secolo, i veicoli elettrici hanno iniziato a diffondersi in tutto il mondo. New York aveva addirittura una flotta di oltre 60 taxi elettrici. Mentre le carrozze trainate da cavalli erano ancora il principale mezzo di trasporto, i veicoli elettrici facevano concorrenza a nuovi tipi di automobili: in particolare, i veicoli a vapore e a benzina.I motori a vapore erano disponibili nei veicoli fin dagli anni '70 del XIX secolo, ma non si erano rivelati un'opzione efficiente. Con lunghi tempi di avviamento e una forte dipendenza dall'acqua, non potevano competere con i nuovi ed efficienti veicoli elettrici.Il secondo nemico, il motore a benzina, rappresentava sicuramente la minaccia più grande. Tuttavia, anche le auto a benzina avevano i loro punti deboli. Oltre alla rumorosità e agli sgradevoli gas di scarico, richiedevano un notevole sforzo manuale per essere guidate. Con il bizzarro cambio di marce e la pesante manovella necessaria per avviarle, le auto a benzina non offrivano un'esperienza di guida molto piacevole.Le prime auto elettriche non soffrivano degli stessi problemi delle loro controparti a vapore e a benzina. Divennero subito popolari tra gli abitanti dei centri urbani perché erano perfette per brevi spostamenti in città. Quando all'inizio del 1900 un numero maggiore di persone ebbe accesso all'elettricità, le auto elettriche divennero più facili da ricaricare e la loro popolarità crebbe ulteriormente. All'inizio dello scorso decennio, i veicoli elettrici rappresentavano un terzo di tutti i veicoli in circolazione.Tuttavia, proprio quando i veicoli elettrici erano pronti a decollare, ci fu un colpo di scena. Questo ci porta alla fase successiva del Viaggio dell'eroe: l'abisso. Introdotta nel 1908, la Ford Model T ha reso per la prima volta le auto a benzina ampiamente disponibili e accessibili al pubblico. Con un prezzo inferiore alla metà di quello di un veicolo elettrico, in poco tempo la Ford Model T iniziò a dominare il mercato automobilistico. Come se non bastasse, la scoperta del petrolio grezzo in Texas rese il gas ancora più economico e le stazioni di servizio iniziarono a spuntarono come funghi in tutto il territorio degli Stati Uniti. Il suo concorrente più economico, la crescente disponibilità di gas e la mancanza di elettricità nelle zone rurali del Paese segnarono il destino dei veicoli elettrici e nel 1935 il veicolo elettrico era praticamente scomparso dalla circolazione.

A white Polestar 2 driving on the road between mountains at dusk.

Per i successivi 30 anni, i veicoli elettrici rimasero inesistenti. Iniziarono a rifare la loro comparsa solo alla fine degli anni '60. L'impennata dei prezzi del petrolio e la carenza di benzina costrinsero il governo degli Stati Uniti a studiare metodi alternativi per il trasporto di massa. Questo fece rinascere l'interesse per la ricerca e lo sviluppo di veicoli elettrici e ibridi. Ma non sarebbe stato affatto facile. Con più di 30 anni di ricerca da recuperare, i veicoli elettrici prodotti negli anni '70 non erano ancora vicini ai loro concorrenti a benzina e avevano un'autonomia e una potenza limitate. Solo nel XXI secolo i veicoli elettrici ebbero una rinascita: la fase successiva del Viaggio dell'eroe.Proprio come quando Samwise Gamgee solleva Frodo sulle sue spalle, la Toyota Prius irrompe sulla scena automobilistica. Come primo veicolo ibrido-elettrico prodotto in serie, questo modello ha conquistato il mondo. Con l'aumento dei prezzi della benzina e le preoccupazioni per il riscaldamento globale in cima all'agenda, il passaggio ai veicoli elettrici era già ben avviato. In quel periodo, una piccola startup statunitense lavorava in incognito, con il sogno di creare un'auto sportiva elettrica di lusso che avrebbe cambiato per sempre la concezione dei veicoli elettrici.Il successo di Tesla ha creato un'onda anomala nel settore, costringendo persino i «pesci» più grandi a orientarsi verso l'elettrico. I marchi automobilistici di tutto il mondo sono passati dai motori a combustione interna a quelli elettrici. E così, il nostro eroe ha avuto una rinascita.Oggi i veicoli elettrici sono più presenti che mai. Con paesi come la Norvegia in testa con oltre il 90% di veicoli elettrici e l'Unione europea che sta pianificando di porre fine alla vendita di veicoli elettrici entro il 2035, le cose si prospettano rosee per il nostro eroe «risorto».Siamo entusiasti di far parte di questa avventura, ma sappiamo che la strada da percorrere è ancora lunga. Il viaggio del nostro eroe non si è ancora concluso. Ci sono ancora tanti chilometri da percorrere, montagne da scalare e draghi da uccidere. E, anche se questa non è la fine, forse è la fine dell'inizio.

Argomenti correlati

View from the front seat of the Polestar 4

La Polestar 4 ha un nuovo specchietto retrovisore digitale: ecco che cosa significa

Comparso per la prima volta sulle piste americane all'inizio del XX secolo, il tradizionale specchietto retrovisore è stato un pilastro del design automobilistico per quasi 100 anni. A più di un secolo dalla sua introduzione, poco è cambiato. Fino ad oggi. L'avvento degli specchietti retrovisori digitali ha permesso ai progettisti di automobili di stravolgere un secolo di storia automobilistica. E, ovviamente, poiché come marchio di design l'innovazione fa parte del nostro DNA, abbiamo sfumato ulteriormente i limiti. Non ci credi? Guarda con i tuoi occhi!