Messaggio ai vincitori e vincitrici congiunti del Polestar Design Contest

Un premio per il design di esterni. Due proposte vincitrici. Una supercar. Questa è una storia di coincidenze, collaborazione e... beh, automobili. Ti diamo il benvenuto al Polestar Design Contest 2022.

Swapnil Desai e Devashish Deshmukh sono studenti di design, coinquilini ed espatriati indiani che vivono a Parigi. Sono anche i vincitori congiunti della categoria esterni del Polestar Design Contest 2022. Una serie di coincidenze e ore di collaborazione hanno portato i due sulla strada della vittoria e di un design comune.«La madre di tutte le coincidenze»I due giovani designer si sono trasferiti a Parigi nel settembre del 2021 per frequentare un master alla Strate School of Design di Parigi. Il primo giorno di scuola, controllando l'elenco Swapnil ha visto che avrebbe condiviso l'appartamento con un suo compatriota. Questa è stata, secondo Swapnil, «La madre di tutte le coincidenze» e la prima di molte che tracciano lo sviluppo del loro percorso.  Al momento della candidatura per il Polestar Design Contest 2022, Swapnil ha lavorato al suo progetto viaggiando per l'Europa, mentre Devashish ha trascorso l'estate lavorando dall'India. Questo ci porta alla seconda coincidenza: i due coinquilini non sapevano di essersi entrambi iscritti al concorso. Dopo qualche mese, entrambi sono tornati nella casa dello studente. Devashish è stato il primo a vedere l'e-mail dei progettisti Polestar e non ha perso tempo: spinto dall'emozione, è corso in tutto l'appartamento per annunciare la notizia. Ma il destino ha voluto che anche Swapnil ricevesse un'e-mail in cui si diceva che anche il suo progetto era stato selezionato. Ed è così che è iniziata una fase di intensa collaborazione: i due studenti di design, e il team di design Polestar, hanno iniziato a fondere il meglio del design di Swapnil, battezzato «Timeless performance» (Performance senza tempo) con il meglio di «Lynx» (Lince) di Devashish.Il connubio tra funzionalità e prestazioniLa decisione di diventare designer è un'altra coincidenza, dice Swapnil. «È successo per caso. Stavo osservando un amico e senior designer che ora lavora da Volvo e vedere il processo di creazione di un'auto mi ha entusiasmato molto, così ho deciso di proseguire». Tuttavia, entrare nel mondo del design automobilistico è stata una questione completamente diversa. «Le auto sono prodotti complessi che hanno il potere di cambiare il nostro modo di vivere, di spostarci, di interagire e così via. Quindi, il mio interesse per le auto deriva soprattutto dal potenziale che hanno nel creare un impatto sulla società. Si tratta di un aspetto a cui posso fare riferimento sia come persona che come designer». Per Devashish si è sempre trattato di prestazioni. Fin da quando era bambino e guardava i video sulla produzione di automobili, è rimasto affascinato da tutto ciò che riguarda la velocità e le prestazioni. «Non appena ho visto la parola performance nella descrizione della competizione, ho capito che volevo partecipare al Polestar Design Contest. È una passione che mi accompagna fin dall'infanzia, le auto sportive, le hypercar e tutto il resto, quindi ho pensato che questa fosse una buona opportunità per progettarne una io stesso», dice Devashish.

01/04

Timeless Performance, Swapnil Desai.
All'inizio pensavo che sarebbe stato un concorso come tutti gli altri, come un concorso unidirezionale, ma il Polestar Design Contest è molto diverso. Si tratta più che altro di dare e ricevere.
Swapnil Desai, studente di design

La collaborazione è il nome del giocoSebbene il briefing di progettazione prevedesse la «performance», la collaborazione ha svolto un ruolo fondamentale dal momento in cui i progetti sono stati inseriti nella rosa dei candidati fino alla consegna del premio. E, sebbene sia singolare condividere il primo posto in un concorso, la condivisione del carico di lavoro non è stata un problema per gli aspiranti designer. «È stato molto interessante lavorare con il team di design di Polestar e vedere i due progetti unificarsi, unendo la parte anteriore del mio progetto con quella posteriore del suo. È così che funziona nel settore: una collaborazione tra tutti i designer. È un lavoro di squadra», dice Devashish riferendosi alla fase della collaborazione.La considerano un'opportunità di apprendimento, piuttosto che un concorso. Secondo entrambi gli studenti, una delle cose più preziose dell'esperienza è stata quella di ricevere un feedback dai designer professionisti sui loro progetti, qualcosa che durerà ben oltre il periodo del concorso. «All'inizio pensavo che sarebbe stato un concorso come tutti gli altri, come un concorso unidirezionale, ma il Polestar Design Contest è molto diverso. Si tratta più che altre di dare e ricevere. Voglio dire, avere dei designer professionisti che ti forniscono un feedback costante è molto motivante per noi giovani designer», come Swapnil. ...e oltre In futuro, i giovani designer sperano di continuare a collaborare, imparando l'uno dall'altro e dagli altri, sviluppando al contempo il proprio stile. «Penso che sarebbe fantastico se potessimo continuare a condividere i nostri lavori tra di noi, anche se non stiamo lavorando allo stesso progetto», dice Swapnil. «Quando si è seduti da soli a pensare a un progetto, si possono avere un certo numero di idee. Quando si lavora insieme, ci sono molte più idee da esplorare».Quando è stato chiesto loro quale sarebbe stata la loro carriera futura, i due designer appena premiati hanno risposto che puntano a una carriera nel design automobilistico. «La mia passione è progettare automobili. Voglio trovare un marchio che sia focalizzato sul design, che si preoccupi dell'estetica e che mi permetta di migliorare e crescere come progettista lavorando insieme ad altri grandi designer. E un giorno, quando guiderò con la mia famiglia, voglio poter dire: «Guardate, quella è l'auto che ho progettato io». Questo è il mio sogno», dice Devashish.Swapnil vuole continuare a esplorare destinazioni e stili diversi. Anche se ha già lavorato con il team di design di Polestar, una casa automobilistica giapponese, e presto lavorerà con un marchio francese, c'è ancora molto da imparare in termini di approccio al design da parte di diversi marchi, dice.  «L'obiettivo è continuare a esplorare il più possibile e imparare da tutti coloro che incontro», conclude Swapnil.

Argomenti correlati

Tanja Sotka approaching her Polestar 2.

Beyond the Road: Tanja Sotka

Benvenuto/a al terzo episodio di "Beyond the Road", una serie di contenuti in cui mettiamo in evidenza le storie dei proprietari di auto Polestar di tutto il mondo. In questo episodio abbiamo incontrato l'agente immobiliare Tanja Sotka nei paesaggi remoti e sereni della Lapponia finlandese, dove trova conforto e dove ama vivere.