Vecchi airbag, nuove soluzioni: puntiamo i riflettori su Reykjavik

Per molto tempo, l'Islanda è stato il segreto meglio custodito del nord. Era però inevitabile che un Paese così ricco di innovazione e tecnologia green venisse notato prima o poi, ed è per questo che noi siamo qui. La capitale islandese, Reykjavik, sta ispirando il mondo con la sua creatività dirompente, le soluzioni verdi e il design sostenibile di alta qualità.

Side view of Polestar 2 in Reykjavik

Fino a non molto tempo fa, l'Islanda era un'isoletta lontana e dimenticata nell'Atlantico del nord. Il turismo era ancora agli albori e molte persone conoscevano solo i pochi elementi che Björk, la celebrità islandese più famosa all'estero, condivideva con il pubblico.

Da allora, la "Terra del ghiaccio e del fuoco" è entrata a far parte di itinerari di viaggio e liste dei desideri, ritagliandosi uno spazio più grande nella coscienza culturale collettiva grazie a musicisti come Sigur Rós e Of Monsters and Men.

Dopo che una decisione cruciale degli anni '70 ha portato il Paese su una nuova traiettoria, l'Islanda ha messo piede nel panorama della sostenibilità globale come punto di riferimento in materia di energia sostenibile.

Ma prima degli anni '70, la situazione era diversa. Come molti Paesi, a quei tempi l'Islanda dipendeva dal petrolio di importazione. In seguito a una serie di crisi e ai movimenti che queste hanno generato nel mercato mondiale dell'energia, l'Islanda ha faticato a tenere testa alle fluttuazioni dei prezzi del petrolio. Determinati a stabilizzare l'economia del Paese, gli imprenditori hanno mosso i primi passi incerti verso la creazione di un nuovo sistema energetico in Islanda basato sull'energia geotermica e idroelettrica. Oggi, oltre il 99% del consumo totale di energia del Paese proviene da fonti rinnovabili.

Adesso l'Islanda trabocca di soluzioni green e competenza in materia di energie rinnovabili, ed è impaziente di condividerle con il mondo. Con oltre la metà della popolazione residente nella capitale, in questa città non potevamo che trovare le imprese green più entusiasmanti.

01/03

Credits: Harpa
Harpa: progettata per ispirare  

La sala concerti e centro conferenze di ReykjavikHarpa è tra le attrazioni principali della città e registra oltre un milione di visite all'anno. Situata nella baia di Reykjavik, Harpa è dotata di una bellezza da premio grazie alle sue linee decise e allo spettacolare rivestimento esterno in vetro ispirato ai paesaggi islandesi.

Rakel Lárusdóttir, Facility Management e Sustainability Department Specialist di Harpa, la descrive come semplicemente iconica.

"Harpa è stata progettata per essere un'icona ispirata alle luci del nord e alla natura islandese. La facciata in vetro è una delle opere d'arte più grandi del mondo, in cui l'idea portante è quella di ripensare l'edificio come un'unità statica, consentendo che esso risponda dinamicamente al mutare dei colori circostanti," racconta.

Al di là della sua natura intrinsecamente suggestiva, Harpa desidera porsi come esempio per le attività sostenibili. Nel 2020 è stato fondato un Consiglio ambientale interno, che non ha perso tempo nel tradurre gli obiettivi in azioni.

L'uso di fornitori alimentari rispettosi dell'ambiente, la donazione di eccedenze alimentari agli enti benefici, la raccolta differenziata e l'installazione di stazioni di ricarica per veicoli elettrici sono alcuni punti salienti del loro percorso verso la sostenibilità. Questi risultati hanno portato all'attribuzione del Nordic Swan Ecolabel all'edificio nel 2022, evento che Lárusdóttir considera un traguardo personale.

Harpa utilizza l'energia verde per le proprie attività, il che conferma efficacemente le credenziali di sostenibilità di un'azienda. Fortunatamente per le imprese islandesi, quasi tutta la loro elettricità proviene da fonti rinnovabili. Uno dei maggiori fornitori di energia dell'isola, HS Orka, è nel settore dell'energia rinnovabile da quasi 50 anni, ed è da allora che trasforma i rifiuti in denaro.

Credits: HS Orka
Definire qualcosa un rifiuto è solo una scusa per non trasformarlo in risorsa.
Jóhann Snorri Sigurbergsson, Business Development Manager presso HS Orka
Trasformare i rifiuti in opportunità con HS Orka  

"I rifiuti non esistono," afferma Jóhann Snorri Sigurbergsson, Business Development Manager presso HS Orka. " Definire qualcosa un rifiuto è solo una scusa per non trasformarlo in risorsa."

Questo mantra ha guidato l'azienda nell'utilizzare al massimo le risorse del campo geotermico di Svartsengi, a circa 40 km a sud di Reykjavik.

Quando HS Orka è stata fondata nel 1974, il suo profilo era quello di una società di riscaldamento regionale che forniva acqua calda alla zona. L'utilizzo di risorse geotermali per produrre acqua calda è ancora in atto alla centrale elettrica di Svartsengi e svolge un ruolo importante nella fornitura di riscaldamento della zona.

Dopo qualche anno nel settore del riscaldamento, gli ingegneri si sono resi conto che non stavano utilizzando appieno il potenziale geotermico dei fluidi che venivano estratti dal suolo. Con una temperatura che raggiunge i 240 gradi Celsius, i fluidi geotermici sono praticamente dei vettori energetici.

Gli ingegneri non si sono lasciati scappare l'opportunità. Nel 1978 l'azienda ha investito in turbine per trasformare il vapore dei fluidi geotermici in elettricità, e oggi HS Orka è il terzo fornitore di energia in Islanda.

Ma la storia di HS Orka non finisce con l'acqua calda e l'elettricità. L'acqua in eccesso ricavata dal riscaldamento e dalla produzione di energia elettrica viene infatti utilizzata per riempire la famosa Blue Lagoon con acque di balneazione.

Ma non finisce qui.

Resource Park, costruito intorno alle centrali geotermiche HS Orka, riflette pienamente il credo dell'azienda. Il parco riunisce varie imprese green che sfruttano una o più risorse in ambito geotermico, come energia elettrica, acqua di mare filtrata dalla lava e vapori geotermali.

Uno degli aspetti cruciali quando si opera nel settore delle energie rinnovabili è trovarsi in un territorio che lo permette, secondo quanto dice Sigurbergsson. Le aree geotermiche ad alta e bassa temperatura coprono grandi porzioni dell'Islanda, il che significa che i fluidi geotermici sono accessibili in quasi tutto il Paese.

"L'Islanda deve la sua vivibilità all'attività geotermale. In un paese così freddo nell'Atlantico del nord, è ciò che ci tiene in vita" afferma.

In alcune aree, l'acqua è così calda che si potrebbe fare il caffè istantaneo semplicemente passando la tazza sotto il getto dell'acqua. 

Four airbags stacked on each other
Riconoscimenti: FÓLK
Airbag from FÓLK
Riconoscimenti: FÓLK
La collaborazione è tutto. Poiché abbiamo bisogno di creare nuovi schemi e procedure per la circolarità, è essenziale stabilire legami forti tra vari settori per raggiungere i nostri obiettivi.
Ragna Sara Jónsdóttir, fondatrice di FÓLK
FÓLK usa vecchi airbags per creare il futuro

FÓLK nasce dal desiderio di creare un cambiamento. Quando la fondatrice Ragna Sara Jónsdóttir è tornata a Reykjavik dopo aver vissuto a Copenaghen, ha trovato una città traboccante di creatività. Tuttavia, il supporto offerto ai designer per realizzare le proprie idee era scarso, e Jónsdóttir era determinata a cambiare la situazione. Con un passato come CSR e consulente per la sostenibilità, non poteva fare a meno di notare che la maggior parte dei prodotti non erano progettati in modo sostenibile.

"Se ci guardiamo intorno, notiamo che molti dei prodotti di uso quotidiano sono pensati per un utilizzo a breve termine e non presentano opportunità di riciclaggio. Sono quindi destinati a finire in discarica, e questo è un enorme problema globale," commenta Jónsdóttir.

Si tratta di una lacuna nel mercato che aspettava solo di essere colmata. Nel 2017, FÓLK è nata con la missione di accelerare la transizione green tramite il design, promuovendo designer progressisti con prodotti per la casa e arredamento smart.

È possibile realizzare molte cose mettendo la sostenibilità al centro del design di un prodotto. Da FÓLK, il design è guidato dalla convinzione che gran parte dell'impatto ambientale totale di un prodotto viene deciso in fase di design. Questo è il motivo per cui i prodotti FÓLK sono progettati per essere facilmente riciclabili, e il riutilizzo dei rifiuti viene messo in atto di frequente.

Il nostro 'Airbag' è l'esempio perfetto di come questa mentalità possa generare un design bello e funzionale. Lavorando in collaborazione con Studio Fletta, FÓLK ha trasformato vecchi airbag in cuscini di design resistenti.

"La collaborazione è tutto. Poiché abbiamo bisogno di creare nuovi schemi e procedure per la circolarità, è essenziale stabilire legami forti tra vari settori per raggiungere i nostri obiettivi," commenta Jónsdóttir.

Durante una visita a un concessionario di autoricambi locale, il team di designer ha trovato degli airbag usati tra i rifiuti e ha deciso di dare loro nuova vita. Erano sorpresi di scoprire che gli airbag possono essere di vari colori pastello con ricami colorati, che è stata poi l'idea alla base del design finale.

Quella che era iniziata come una collaborazione tra un concessionario locale e due studi di design è stata notata da testate giornalistiche come ELLE Italia e Hunker. A giugno di quest'anno, FÓLK ha esibito l'Airbag nel nostro spazio di Copenaghen nel corso del festival di design 3daysofdesgin.

Fin dal suo arrivo, Reykjavik è diventata un punto di riferimento per i motivi giusti. E questo è solo l'inizio. D'ora in avanti, seguiremo da vicino questo piccolo Paese nordico con grandi ambizioni green.  

Argomenti correlati

Tanja Sotka approaching her Polestar 2.

Beyond the Road: Tanja Sotka

Benvenuto/a al terzo episodio di "Beyond the Road", una serie di contenuti in cui mettiamo in evidenza le storie dei proprietari di auto Polestar di tutto il mondo. In questo episodio abbiamo incontrato l'agente immobiliare Tanja Sotka nei paesaggi remoti e sereni della Lapponia finlandese, dove trova conforto e dove ama vivere.