Guidare un veicolo elettrico quando fa freddo: una guida pratica

Progettate in Svezia e testate nei climi invernali più estremi, la neve e il ghiaccio sono un ambiente familiare per le nostre auto. Questo articolo offre consigli su come massimizzare l'autonomia e le prestazioni della tua Polestar durante i mesi invernali.

Front view of a pristine black Polestar 2 parked in a snowy landscape.

Sei un amante dell'inverno o dell'estate? Alcuni amano l'intimità dei momenti in cui il freddo impone di starsene accoccolati sotto una coperta, altri tremano al solo pensiero del gelo e delle lunghe notti invernali. Tuttavia, che la stagione fredda piaccia o no, è importante essere pronti per affrontarla. Perché l'inverno sta arrivando. Ecco alcuni consigli per massimizzare l'autonomia, ottimizzare le prestazioni e garantire la sicurezza quando le temperature precipitano e inizia a nevicare.Il motivo principale per cui il freddo influisce sui veicoli elettrici è la temperatura della batteria. Se è troppo bassa, i processi elettrochimici al suo interno rallentano, il che incide sia sulla velocità di ricarica che sull'autonomia. Inoltre, riscaldare l'abitacolo a una temperatura gradevole richiede più energia rispetto al periodo estivo. Quindi, il mantra dei mesi invernali è «tenere sé stessi e la batteria al caldo». Ecco come si fa.

A big cloud of snow sweeps across a snow-filled landscape.
Brid's-eye view captures the front of a black Polestar car parked on snow.
Preriscalda l'auto

Come la maggior parte dei veicoli elettrici, la Polestar è dotata di una funzione di preclimatizzazione. Com'è intuibile dal nome, questa funzione permette di preriscaldare il veicolo prima di mettersi al volante. Oltre a garantire un ambiente caldo, questo consente di risparmiare autonomia, poiché non sarà necessario riscaldare l'abitacolo durante la guida. Programmando la preclimatizzazione, inoltre, la batteria avrà il tempo di scaldarsi ed essere già alla temperatura ottimale al momento della partenza. E a proposito di calore, cerca di tenere l'auto in un garage o almeno coprirla con una tela cerata o un telo antigelo. Questo permetterà di risparmiare energia durante il preriscaldamento.

La tua Polestar ha due diversi strumenti per aiutarti ad affrontare il freddo nel modo migliore. Il primo è l'icona del fiocco di neve posta vicino a quella della batteria sul display. Quando appare questo simbolo, significa che la batteria è troppo fredda per utilizzare tutta l'energia disponibile. Tuttavia, quando inizi a guidare e la batteria si scalda, il simbolo sparirà e l'auto tornerà al 100% delle prestazioni. In secondo luogo, il pacchetto «Plus» comprende una speciale pompa di calore: un sistema di riscaldamento più efficace che controlla la temperatura dell'abitacolo e utilizza meno energia. Questo non significa che le Polestar con dotazioni di serie non siano fornite di riscaldamento. Si tratta semplicemente di una tecnologia più avanzata compresa nel pacchetto «Performance» che aumenta l'autonomia nei mesi freddi.

Guida in modo efficiente

A parte l'autonomia, quando le strade si ghiacciano e inizia a nevicare la sicurezza viene prima di tutto. La buona notizia è che il modo più sicuro di guidare in inverno è anche quello che permette di massimizzare l'autonomia.Ricorda di evitare di accelerare e frenare bruscamente. Gli pneumatici hanno meno trazione su neve e ghiaccio, che significa che le accelerazioni e le frenate improvvise potrebbero fare sbandare l'auto. Allo stesso tempo, frenando delicatamente e mantenendo una velocità costante è possibile utilizzare meno carica della batteria. Ma se vuoi fare solo un giro in auto senza preoccuparti di massimizzare l'autonomia, la tua Polestar è perfettamente di grado di affrontare la neve in velocità. 

Inoltre, utilizzando la modalità «Eco» l'auto effettuerà ulteriori regolazioni per aumentare l'autonomia. Sempre a questo scopo, consigliamo di attivare la modalità «Eco» per il climatizzatore e la pressione degli pneumatici. Vale la pena ricordare inoltre che utilizzando i sedili e il volante riscaldati durante i viaggi brevi potrai abbassare il riscaldamento, mantenendo comunque una temperatura confortevole all'interno dell'abitacolo.

Collage with pictures featuring a black Polestar driving in snowy conditions.
Tieni carica la batteria

Se intraprendi un viaggio più lungo che richiede una sosta di ricarica, assicurati di aggiungere una tappa presso una stazione di ricarica rapida all'itinerario del navigatore. In questo modo, all'arrivo la tua Polestar avrà riscaldato la batteria al livello ottimale per la ricarica, che sarà così più veloce ed efficiente.

È inoltre importante evitare di scaricare completamente la batteria, mantenendo la carica almeno al di sopra del 20%. Se devi lasciare l'auto al freddo, assicurati che il livello di carica sia sufficiente. Questo permetterà di avere abbastanza energia per riscaldare nuovamente l'auto e garantire la necessaria autonomia.

Sempre informati e pronti
L'inverno è imprevedibile ed è importante essere pronti a tutte le situazioni, indipendentemente dal tipo di auto. Se stai partendo per un viaggio più lungo su strade poco battute, assicurati di portare con te un kit invernale, poiché non si può mai sapere quando potrebbe arrivare una bufera di neve. Il kit deve comprendere una coperta, una pala, una torcia elettrica, un gilet catarifrangente, un giubbotto pesante, guanti e cappello. Assicurati che gli pneumatici siano in pressione e controlla la profondità del battistrada. Quando le temperature si abbassano, diminuisce anche la pressione degli pneumatici. E non dimenticare di rabboccare il liquido dei tergicristalli.

Quando guidi in inverno, il tuo benessere dipende dalla preparazione. Ci auguriamo che questa guida ti aiuti ad affrontare l'inverno a zero gradi, zero emissioni e zero pensieri.

Argomenti correlati

The Scottish Highlands.

Questa strada in Scozia è forse la migliore destinazione al mondo in questo momento da percorrere con un veicolo elettrico?

Le infrastrutture di ricarica stanno crescendo a un ritmo incredibile. Solo nell'ultimo anno, il Regno Unito ha installato un numero record di 16.000 colonnine di ricarica e gli Stati Uniti hanno raggiunto un totale di ben 165.000 porte di ricarica pubbliche. Quindi, allontanarsi per esplorare anche zone più sperdute con un EV non è più un grande problema. Per questo stiamo organizzando una nuova serie di itinerari da non perdere, a cominciare dalla famosa North Coast 500. Non c'è niente di più remoto della costa occidentale della Scozia, ma la ricompensa in termini di paesaggi e panorami ne vale la pena. E ora, con l'infrastruttura di ricarica adeguata, ti sveliamo perché le Highlands scozzesi sono una tappa obbligata per tutti gli appassionati di veicoli elettrici.