Disintossicazione digitale: lascia a casa il tuo iPhone e vai a rigenerarti nel bosco più vicino

Sei quel tipo di persona che, appena si sveglia, come prima cosa controlla il telefono? Se sì, sei come tutti gli altri, noi inclusi. È arrivato il momento di staccare letteralmente la spina, di allontanarci dallo schermo dei nostri telefoni e di entrare a contatto con madre natura, anche solo per poco tempo.

Immagina questa scena: ti stai svegliando dopo una bella dormita, sei ancora assonnato/a e cerchi il tuo telefono a tastoni, ma non lo trovi sul comodino. E subito ti svegli di soprassalto. Elettrizzato/a, ma in senso negativo. In realtà, il tuo telefono è rimasto tutto il tempo proprio lì sul letto, accanto al tuo cuscino, dopo esserti addormentato/a in seguito a un'altra notte di scrolling sfrenato.

Forse questa descrizione non ti corrisponde, ma si addice sicuramente a molti. Secondo un recente studio, l'89% degli americani controlla il telefono entro 10 minuti dal risveglio. Il telefono viene poi scambiato per il computer portatile, per poi passare di nuovo al telefono, al computer portatile, e così via per tutto il giorno.

L'universo (digitale) è in espansione

C'è poco da fare: ormai i dispositivi elettronici sono diventati parte integrante della nostra vita. Sono talmente integrati nella nostra vita personale e professionale che è difficile immaginare di stare un giorno senza.

E a detta di tutti, lo stile di vita connesso non solo è destinato a rimanere, ma si sta espandendo ulteriormente.

Il mondo digitale è un luogo in continua espansione e le principali aziende tecnologiche si stanno impegnando al massimo per rendere il mondo digitale un vero e proprio concorrente, addirittura allettante, di quello fisico.

Tuttavia, come per ogni fenomeno che stravolge la società, c'è un movimento contrario. La disintossicazione digitale è una tendenza che forse è caduta in disuso prematuramente. 

Tree tops from above.
Che cos'è la disintossicazione digitale, o "digital detoxing", per usare il termine inglese?

In parole povere, una disintossicazione digitale consiste nel fare a meno degli schermi per un periodo di tempo prolungato. Niente telefoni, niente laptop e niente tablet. Mettere da parte tutti i dispositivi serve a ridurre lo stress, a migliorare le abitudini del sonno, a ridurre la FOMO (la paura di "perdersi qualcosa") e a liberare tempo per connettersi con se stessi e riconnettersi con la natura.

Ma non è più facile a dirsi che a farsi? Sembra che non ci sia mai un momento giusto per liberarsi dai dispositivi (pensiamo, sfogliando i nostri diari online). Questo è ovviamente parte del problema, ma anche della soluzione.

Per coloro che non vogliono lanciarsi direttamente in un precipizio, ci sono alcuni semplici accorgimenti. Ad esempio, disattivare le notifiche, limitare i social media a 60 minuti al giorno, fare pause regolari per riposare gli occhi e non fare scrolling subito prima di dormire.

Tuttavia, la ricerca suggerisce che la soluzione migliore è quella di staccare del tutto.

Stando ai risultati di uno studio dell'ente turistico della Svezia occidentale, 72 ore potrebbero essere il numero magico per ridurre lo stress. Nell'esperimento, cinque persone con un lavoro stressante hanno sperimentato lo stile di vita svedese "a contatto con la natura" per tre giorni, mentre i ricercatori registravano i loro livelli di stress.

I ricercatori hanno riscontrato una diminuzione di quasi il 70% dei livelli di stress, oltre a un aumento della creatività e del benessere generale.

Riflettere sul tempo trascorso allo schermo

La maggior parte delle persone avrà già riflettuto sul tempo trascorso davanti agli schermi. Tuttavia, la realtà potrebbe ancora sorprenderci.

Uno studio pubblicato nel 2021 ha rilevato che gli americani intorno ai 20 anni hanno utilizzato il telefono per quasi 29 ore a settimana in media nel 2020. Un altro studio stima che il numero di ore sia ancora più alto.

Tuttavia, non è facile trovare l'equilibrio perfetto tra il tempo trascorso davanti allo schermo e quello trascorso a fare altre cose, visto che il mondo digitale permea quasi tutti gli aspetti della vita quotidiana. Si tratta solo di imparare a navigare nel nuovo modo di vivere il mondo.

Questo non impedirà alle persone di sognare a occhi aperti i tempi precedenti all'era dell'iPhone. Un recente studio mostra che il 77% degli americani di età compresa tra i 35 e i 54 anni ha dichiarato che vorrebbe tornare a un'epoca precedente a Internet e agli smartphone.

Se potessimo creare una macchina del tempo, lo faremmo. Quest'anno, però, non abbiamo stanziato fondi per una ricerca sulla quarta dimensione. E neanche negli anni a venire lo faremo. Come alternativa, ti presentiamo niente di meno che... la foresta svedese. 

01/06

Solitamente, le persone che vengono nelle nostre baite vogliono staccare la spina. È come se le persone avessero bisogno di evadere dalla loro vita quotidiana per poter davvero "disconnettersi" da tutto.
Jesper Uvesten, titolare di InForest
Fuori rete

Gli svedesi amano la foresta. In un certo senso sono costretti, perché è ovunque. La Svezia è ricoperta per circa il 70% da foreste, il che significa che in molte zone del Paese la natura è letteralmente dietro l'angolo.

Da INFOREST, è dietro a ogni angolo.

INFOREST è una serie di cabine disconnesse (senza rete), nella foresta, gestite dai residenti di Hjo, Jesper e Petra Uvesten. Guidati dalla passione in comune per la natura, hanno deciso di perseguire il loro sogno di creare qualcosa che avvicinasse le persone ad essa. Nel 2020, hanno aperto le porte della prima di quelle che ora sono in totale quattro cabine nel cuore della foresta svedese.

I dettagli dell'esperienza nella foresta sono curati splendidamente e in modo personale. Le cabine Ebbe, Vilgot ed Esther portano i nomi dei figli della coppia. La quarta casa ha il nome del gatto della famiglia, Rufus.

Le cabine nel bosco

La vicinanza alla natura è stato uno dei principi guida nella creazione di questa esperienza, ma per Jesper e Petra l'isolamento è altrettanto importante. Le cabine sono quindi autosufficienti, autonome e separate da ampie zone di alberi.

Per funzionare in modo autosufficiente, ogni cabina è dotata di una serie di pannelli solari, di grandi batterie agli ioni di litio per immagazzinare l'energia solare e di un serbatoio d'acqua da 300 litri. Il serbatoio dell'acqua è collegato a un contatore all'interno della casa che tiene sempre al corrente l'affittuario della quantità d'acqua rimasta.

Certo, le case hanno l'elettricità, ma il wi-fi e la televisione non fanno parte della lista dei servizi. Al contrario. Jesper e Petra incoraggiano un soggiorno senza schermi. Da InForest non si impone di staccare la spina, ma i visitatori vengono incoraggiati verbalmente al momento del check-in a lasciare i loro telefoni nell'apposita cassetta.

Ogni cabina è dotata di una specie di "cassette prigione" per cellulari etichettate con la frase "Forget that your phone is in this box." (Dimenticati che il cellulare sia qui dentro). E a quanto pare, le persone lo fanno. Più di una volta, la coppia ha provato a contattare i propri ospiti, ma è scattata la segreteria telefonica.

"Solitamente, le persone che vengono nelle nostre baite vogliono staccare la spina. È come se le persone avessero bisogno di evadere dalla loro vita quotidiana per poter davvero "disconnettersi" da tutto", afferma Jesper.

Cabin with Polestar 2 parked in front, surrounded by forest.
Tree trunk from below.
Tempo di disconnettersi per riconnettersi

Per Jesper e Petra, il tempo è un ingrediente fondamentale per offrire ai visitatori l'esperienza che desiderano. Ecco perché hanno fissato un minimo di due notti di pernottamento nelle loro cabine.

"Vogliamo incoraggiare le persone a trascorrere più tempo nella foresta", dice Jesper. "Voglio dire, se si arriva a tarda notte per ripartire al mattino, non importa venire qui e si può stare ovunque, no?"

Quindi, fai come gli svedesi: concediti una disintossicazione digitale in un bosco vicino casa. Anche solo per poco.  

Argomenti correlati

Tanja Sotka approaching her Polestar 2.

Beyond the Road: Tanja Sotka

Benvenuto/a al terzo episodio di "Beyond the Road", una serie di contenuti in cui mettiamo in evidenza le storie dei proprietari di auto Polestar di tutto il mondo. In questo episodio abbiamo incontrato l'agente immobiliare Tanja Sotka nei paesaggi remoti e sereni della Lapponia finlandese, dove trova conforto e dove ama vivere.