Puoi affrontare la verità? Il nostro Bot mette a tacere la disinformazione sul clima in vista di COP 28

In un'epoca in cui le «fake news» si diffondono sui social media di tutto il mondo con la velocità di un incendio, la nostra missione è quella di condividere la verità sui cambiamenti climatici e sull'industria automobilistica. In vista di COP 28, il nostro «Truth Bot», o Robot della verità appositamente realizzato, cerca notizie false sul clima postate su X per sfatarle con fatti concreti.

X header for Truth Bot profile
L'uso improprio dei dati riguardo al clima è estremamente dannoso
Fredrika Klarén, Head of Sustainability
Ciao, mondo

I social media sono pieni di affermazioni e opinioni sull'ambiente e sul cambiamento climatico ed è preoccupante constatare come spesso queste contengano ben poca verità. Dal 2020 condividiamo relazioni dettagliate sulle nostre emissioni e sul nostro impatto sul clima, compresi i dati sul reperimento dei materiali e sulla tracciabilità della catena di approvvigionamento.

Per questo, in preparazione a COP 28 in programma dal 30 novembre 2023 negli Emirati Arabi, stiamo conducendo una campagna per sfatare alcuni miti sul cambiamento climatico nell'ambito dell'industria automobilistica.

Il nostro «Truth Bot» sarà attivo su X (già Twitter) a partire dal 23 novembre in vista della conferenza mondiale sul clima. Lo scopo è semplice: individuare post contenenti notizie false su questi argomenti e partecipare al dialogo online, mostrando dati o statistiche pertinenti per rivelare la verità dietro le falsità largamente diffuse sui social media. Abbiamo scelto X per la nostra campagna perché una recente relazione di Climate Action Against Disinformation indica che le informazioni più false sull'ambiente vengono condivise attraverso questa piattaforma.

Crediamo che diffondere la verità sul cambiamento climatico sia più che mai fondamentale, in un'epoca in cui siamo quotidianamente esposti a fake news e alla disinformazione online. Il nostro Bot è progettato per combattere questo problema, divulgando dati concreti sull'impatto ambientale dell'industria automobilistica e sul ruolo dei veicoli elettrici nella lotta contro il riscaldamento globale.

Fredrika Klarén, Head of Sustainability di Polestar, ha spiegato il motivo per cui questa campagna è così importante: «L'uso improprio dei dati riguardo al clima è estremamente dannoso. C'è bisogno di trasparenza e informazioni scientifiche per poter creare un consenso globale e piani di azione per affrontare il cambiamento climatico, che è l'obiettivo di COP 28. Polestar vuole costruire una cultura di trasparenza e onestà in merito all'impatto e al potenziale climatico della nostra attività e dei nostri prodotti, dalla progettazione e produzione di un veicolo elettrico fino al momento in cui viene messo in strada. Possiamo essere uniti come settore nella lotta contro il cambiamento climatico solo se partiamo dalle stesse basi; Polestar dimostra il proprio impegno combattendo l'uso improprio dei dati».

Polestar 2 in distance driving at night next to sea
Winding coastal road in mountains
Ma come funziona il «Truth Bot»?

Il Bot è uno strumento appositamente progettato per passare al setaccio centinaia di migliaia di post sulla piattaforma social X e individuare quelli che diffondono notizie false sul clima e sui veicoli elettrici. Una volta identificato un post dannoso, il Bot genererà una risposta condividendo fatti concreti su questi argomenti, contrastando così la disinformazione su questa piattaforma.

Per esempio, se qualcuno scrive: «I veicoli elettrici non servono perché i combustibili fossili non sono poi così dannosi per l'ambiente», il Bot interverrà chiarendo che «Il carbone, il petrolio e il gas sono le principali cause del cambiamento climatico, poiché producono il 75% dei gas serra mondiali e fino al 90% delle emissioni globali di anidride carbonica».

Abbiamo reperito le informazioni dalle relazioni più autorevoli, come il recente «Rapporto speciale sul riscaldamento globale di 1,5 °C» pubblicato da IPCC (Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico) e il rapporto «The Role of Critical Minerals in Clean Energy Transitions» dell'IEA, l'Agenzia internazionale dell'energia. Abbiamo unito anche la nostra voce, creando il 2023 Pathway report con le aziende Kearney e Rivian, che illustra lo sforzo comune per la lotta al cambiamento climatico nell'ambito del settore automobilistico. Scopri di più sulla nostra politica in materia di trasparenza qui.

Continueremo di persona la nostra missione per combattere la disinformazione in occasione di COP 28 con attività nelle zone Blu e Verde, come per esempio una mostra sull'uso dei materiali nell'industria automobilistica e tavole rotonde sull'importanza di un'azione collettiva all'interno del settore.

La verità sul cambiamento climatico è là fuori. Clicca sulla freccia di seguito per visitare il sito del «Truth Bot» e unirti alla lotta.

Visita la pagina del Truth Bot

Argomenti correlati

View from the front seat of the Polestar 4

La Polestar 4 ha un nuovo specchietto retrovisore digitale: ecco che cosa significa

Comparso per la prima volta sulle piste americane all'inizio del XX secolo, il tradizionale specchietto retrovisore è stato un pilastro del design automobilistico per quasi 100 anni. A più di un secolo dalla sua introduzione, poco è cambiato. Fino ad oggi. L'avvento degli specchietti retrovisori digitali ha permesso ai progettisti di automobili di stravolgere un secolo di storia automobilistica. E, ovviamente, poiché come marchio di design l'innovazione fa parte del nostro DNA, abbiamo sfumato ulteriormente i limiti. Non ci credi? Guarda con i tuoi occhi!