Rapporto sulla sostenibilità 2021

Dover rendere conto agli altri è fondamentale. Per contrastare la crescente ondata di greenwashing, greenhushing e tutti gli altri fenomeni che si nascondono dietro a questi vocaboli in voga e che denotano una mancanza di trasparenza nelle attività a favore della sostenibilità, dobbiamo considerarci responsabili gli uni verso gli altri. I successi e i fallimenti devono essere portati alla luce del sole. È necessario porre domande e pretendere anche risposte. Dobbiamo disporre di dati concreti quando si tratta di spiegare esattamente ciò che stiamo facendo e ciò che ci resta da fare. E quando esigiamo dagli altri queste cose, non dobbiamo dimenticare di fare la nostra parte.

È la fonte di informazione di riferimento per chiunque voglia davvero capire come agisce un’azienda quando si tratta di sostenibilità.
Fredrika Klarén

A tale scopo abbiamo pubblicato il nostro rapporto sulla sostenibilità.

Più che presentare un lungo elenco di iniziative, questo documento descrive nel dettaglio i diversi settori, campi e discipline che rientrano nella sfera della sostenibilità, il lavoro svolto all’interno di ciascuno di questi, i progressi conseguiti e i compiti ancora in sospeso.

Il rapporto fornisce una descrizione di iniziative come il progetto Polestar 0, la nostra collaborazione con la Exponential Roadmap Initiative, la nostra partecipazione alla COP26, il nostro programma di etichettatura dei prodotti e le nostre valutazioni LCA. Inoltre, fa riferimento al nostro contributo all’Agenda 2030 e offre un monitoraggio delle emissioni di gas serra. Fornisce un resoconto sul consumo di energia nei nostri stabilimenti di produzione, come quelli di Chengdu e Taizhou, e una presentazione delle partnership e degli obiettivi previsti per raggiungere una maggiore circolarità.

Questo documento offre un resoconto accurato delle complessità da affrontare per rendere più sostenibile un OEM del settore automobilistico, tra l’altro specializzato in veicoli elettrici. In esso vengono illustrati i calcoli climatici così come il metodo utilizzato per eseguirli, e viene delineato il nostro programma di sostenibilità. Per finire, viene fornita una descrizione dettagliata degli sforzi che abbiamo compiuto nell’ambito dei quattro pilastri della sostenibilità (neutralità climatica, circolarità, trasparenza e inclusione). Nulla è stato tralasciato, reso oscuro o alterato in alcun modo.

«Il rapporto sulla sostenibilità non dovrebbe essere tenuto nascosto o riservato soltanto ad analisti o persone interessate alla sostenibilità», afferma Fredrika Klarén, Head of Sustainability di Polestar. «È la fonte di informazione di riferimento per chiunque voglia davvero capire come agisce un’azienda quando si tratta di sostenibilità.»

Dover rendere conto agli altri è fondamentale quando si punta a una maggiore sostenibilità. Il rapporto sulla sostenibilità svolge un ruolo chiave quando si tratta di assumerci le nostre responsabilità. E sebbene non sia l’unico, non vediamo l’ora che arrivi il giorno in cui sarà accompagnato da tanti altri.

Argomenti correlati

Een Polestar 2 met racestreep

BST edition 270 FTW: la Polestar 2 orientata alle prestazioni

Le prestazioni sono relative. Per la maggior parte delle persone, correre 100 m in 20 secondi sarebbe un risultato notevole. Per Usain Bolt, invece, sarebbe una delusione. La Polestar 2, con la sua esperienza di guida olistica, intuitiva e altamente ingegnerizzata, è già un veicolo elettrico performante sotto diversi punti di vista. La BST è una versione della Polestar 2 che porta le prestazioni a un livello mai visto prima.

Non perderti le ultime novità Polestar

Le nostre newsletter sono un concentrato vitaminico di tutte le fantastiche novità Polestar: notizie, eventi, informazioni sui prodotti e altro.

Iscriviti
Polestar © 2022 Tutti i diritti riservati
Cambia località: