Hollywood diventa elettrica: i veicoli elettrici possono illuminare il grande schermo?

Le star di Hollywood vanno e vengono. Lo stesso vale per le auto di Hollywood. I veicoli che vediamo sul grande e piccolo schermo possono lasciare un segno nella nostra coscienza, ma possono anche passare quasi inosservati. Quando riescono a creare un'impressione duratura, assumono un carattere proprio, creando un'eredità eterna. Dopo che la Polestar 3 è apparsa nella popolare serie "Succession" prodotta da HBO, abbiamo parlato con gli addetti ai lavori di Hollywood per scoprire se un'auto elettrica può raggiungere lo stesso livello di fama.

Polestar 2 overlooking the LA skyline

La storia del cinema e della televisione offre una lunga lista di auto che rivaleggiano con i loro co-protagonisti per la prima posizione. Se pensi a Batman, ti viene in mente la Batmobile, un veicolo di tipo militare che sfreccia per le strade di Gotham. Ritorno al futuro ha creato un fenomeno culturale, ma dove sarebbero Marty McFly e Doc Brown senza la DeLorean di DMC? Steve McQueen è diventato l'incarnazione stessa del carisma sullo schermo, ma è stata probabilmente la Ford Mustang GT ´Bullit´ del 1968 che ha contribuito a portarcelo.

Il Petersen Automotive Museum si trova orgogliosamente nel centro di Los Angeles e svolge un ruolo centrale nel raccontare la storia dell'industria automobilistica e la sua influenza sulla cultura popolare. Il suo curatore, Jonathan Eisen, è dell'opinione che le migliori auto dei film e della tv dicano qualcosa sul personaggio a cui appartengono.

"Poiché le auto sono così onnipresenti, finiscono per rappresentare il personaggio che le guida. Un uomo al volante di un minivan è immediatamente identificabile come un padre di famiglia. Una vecchia Pinto scassata la dice molto più lunga su qualcuno rispetto a dieci minuti di dialogo. Ed è così da molto tempo: da Stanlio e Ollio, che guidano un vecchio catorcio, fino a Fast and Furious, l'auto è l'estensione della personalità di un personaggio".

01/03

L'automobile è sempre stata una parte importante della storia sullo schermo, ma con il mutare del paesaggio culturale e le considerazioni ambientali che ora sono passate in primo piano, è chiaro che le auto elettriche stanno ricoprendo un ruolo sempre più centrale nella trama. 

Un recente studio ha rilevato che negli ultimi cinque anni le apparizioni di veicoli elettrici sui nostri schermi sono aumentate di oltre il 140%. Eisen ritiene che questa recente ripresa sia chiaramente visibile nel modo in cui le auto elettriche vengono ritratte nella cultura popolare.

"Negli anni '80 o '90, le auto elettriche erano una fonte di sollievo comico. Sicuramente ciò aveva molto a che fare con il tipo di auto elettriche disponibili, ma quando si utilizzava un'auto per riflettere la personalità di una persona, chi guidava un'auto elettrica era sempre un tipo strano. Oggi, invece, i veicoli elettrici nella cultura popolare sono diventati una normalità. Un'auto elettrica non è più necessariamente una dichiarazione. È semplicemente un'auto, perché ormai fa parte della vita comune". 

Polestar 2 at Santa Monica Beach.
Front-end of Polestar 2 at Santa Monica Beach.
Quando si parla di auto e cultura popolare, i due temi sono intimamente interconnessi.
Jon Alain Guzik

Il più grande evento cinematografico del 2023 è stato l'uscita di Barbie. Il film ha già superato il miliardo di dollari al botteghino e non è un caso che i protagonisti del film guidino auto elettriche. Una Corvette elettrica del 1956 personalizzata per Barbie e un'Hummer elettrica per Ken. I segnali indicano una transizione in atto nell'industria dell'intrattenimento, ma i produttori e gli sceneggiatori scelgono consapevolmente l'elettrico quando ne hanno la possibilità?

Il corrispondente per il settore automobilistico Jon Alain Guzik scrive per l'Hollywood Reporter e vede una distinzione tra scelte creative e inserimento di prodotti a fini pubblicitari . Mentre i dipartimenti di marketing e i dirigenti degli studi cinematografici sono noti per i loro stretti rapporti, gli studi cinematografici sono consapevoli di inserire prodotti evidenti. Guzik ritiene che questo sia particolarmente vero quando si parla di sostenibilità: "Tutti quelli con cui ho parlato, dagli sceneggiatori, ai registi, ai produttori, ritengono che l'inserimento di prodotti debba essere al servizio dello show, e non inserito in modo forzato ".

Gli accordi e le partnership tra i marchi automobilistici e le aziende del settore dei media non sono una novità, ma ad esserlo è la maggiore attenzione verso i veicoli elettrici e la sostenibilità. Lo spot del Superbowl di quest'anno con Will Ferrell ha annunciato la partnership tra General Motors (GM) e il gigante dello streaming Netflix e la loro iniziativa "Entertain to Sustain" (Intrattenimento per la sostenibilità), che promuove l'uso di veicoli elettrici.

La popolarità dei veicoli elettrici sullo schermo è in crescita, ma è possibile che il mondo creato attraverso la TV e i film contribuisca a creare un mondo più sostenibile o è il contrario? Guzik ritiene che siano vere entrambe le cose.

"Quando si parla di auto e cultura popolare, i due temi sono strettamente interconnessi. Le auto rispecchiano ciò che accade nella cultura moderna e i film ne ricreano una versione iper-attenuata, mettendo il tutto in scena. Soprattutto negli Stati Uniti, c'è un interesse crescente non solo per i veicoli elettrici, ma per la sostenibilità in generale. Quindi, se le persone sono davvero interessate ai film e alla sostenibilità, va da sé che verrà rappresentato un numero maggiore di veicoli elettrici e si parlerà maggiormente di temi legati alla sostenibilità all'interno di questi pezzi di cultura pop".

01/02

La California ha una delle politiche a tutela del clima più progressiste degli Stati Uniti. Per molti versi, lo stato è il punto di partenza per la sostenibilità. La maggior parte dell'industria dell'intrattenimento statunitense e dei suoi scrittori risiede ancora a Los Angeles e per Guzik è evidente l'influenza che esercita sul lavoro prodotto.

"Se vivi in una cultura, soprattutto a Hollywood, in cui le persone guidano veicoli elettrici e ricaricano le proprie auto, installano pannelli solari sui tetti e batterie nelle loro case, questo si riflette in qualsiasi cosa tu stia scrivendo".

L'auto elettrica sta chiaramente facendo il suo ingresso sui nostri schermi. La domanda che ci poniamo ora è: quanto tempo dovremo aspettare per il primo veicolo elettrico "star", l'auto che diventerà un personaggio e creerà una vera e propria eredità sullo schermo? Guzik pensa che ciò potrebbe accadere presto?

"Non abbiamo ancora raggiunto questo obiettivo. Forse nei prossimi due anni. Penso che non appena vedrai Dom Toretto in Fast and the Furious 14 guidare una Dodge elettrica, forse funzionerà, ma non ci siamo ancora arrivati".

Argomenti correlati

Tanja Sotka approaching her Polestar 2.

Beyond the Road: Tanja Sotka

Benvenuto/a al terzo episodio di "Beyond the Road", una serie di contenuti in cui mettiamo in evidenza le storie dei proprietari di auto Polestar di tutto il mondo. In questo episodio abbiamo incontrato l'agente immobiliare Tanja Sotka nei paesaggi remoti e sereni della Lapponia finlandese, dove trova conforto e dove ama vivere.