Abbiamo spinto ai limiti Polestar 3 in deserti roventi e città umide

I test a temperature elevate sono uno dei momenti più difficili nel ciclo di vita di un'auto. Per Polestar 3 abbiamo scelto i deserti roventi e le città ad alto tasso di umidità degli Emirati Arabi Uniti per spingere l'auto ai suoi limiti.

Side view of Polestar 3 in the desert
La scelta di recarci lì è dovuta al fatto che nessuna simulazione può imitare una prova in situazioni reali.
Clément Heinen, Product Attribute Leader

Il deserto di Al Ain, negli Emirati Arabi Uniti, può raggiungere i 50 °C. Per qualsiasi azienda automobilistica, è uno degli ambienti di prova più estremi che esistano. Ma non si tratta solo di caldo estremo: le città degli Emirati Arabi Uniti possono registrare un livello di umidità difficilmente raggiungibile nella nostra fascia climatica. Dubai, ad esempio, in una giornata calda può raggiungere un tasso di umidità del 90%.Ad affrontare queste temperature estreme nel team di collaudo di Polestar 3 c'era Clément Heinen, Product Attribute Leader. 

"I momenti dei test negli Emirati Arabi Uniti non si vivono in nessun'altra parte del mondo. In piena estate, è il luogo più estremo in cui ci si aspetta che un cliente possa guidare"."La scelta di recarci lì è dovuta al fatto che nessuna simulazione può imitare una prova in situazioni reali. Puoi correre una maratona su un tapis roulant, ma farlo nella vita reale è tutta un'altra cosa".

Rear view of Polestar 3 with three people next to it looking at a computer

E questo è l'aspetto fondamentale. Testare un'auto in un ambiente controllato come un tunnel di climatizzazione, con un "sole" simulato, può solo indicare come potrebbe comportarsi effettivamente nel mondo reale. Per raggiungere gli standard che ci aspettiamo da Polestar 3, un viaggio nei deserti degli Emirati Arabi Uniti è un enorme vantaggio.Parte di questo test, nonché la chiave del lavoro di Cléments, è definire esattamente l'"identità" di una Polestar per un cliente. In questo caso, si tratta di garantire che, in qualsiasi circostanza, l'abitacolo di Polestar 3 rimanga un luogo fresco e confortevole. Sembra semplice, ma non lo è affatto.Durante le prove in condizioni reali negli Emirati Arabi Uniti, sono stati percorsi 300 km per diversi giorni con temperature che hanno raggiunto picchi di 50 gradi. L'auto si è recata in alcune delle aree più remote del deserto per testare i potenziali scenari più estremi che i clienti potrebbero trovarsi ad affrontare.

Close-up of Polestar logo on the front of Polestar 3.
Close up of brake callipers on Polestar 3

"Se si combinano il calore e l'umidità dell'ambiente, la ricarica a corrente continua e diverse situazioni di guida dinamica, si ottiene il carico più elevato per qualsiasi sistema di climatizzazione".Le Polestar 3 di prova sono state sottoposte a questi test in temperature estreme per diverse settimane e il team si è assicurato che il software e l'hardware funzionassero insieme perfettamente, in modo che nessun cliente potesse mai accorgersi delle sfide che l'impianto di climatizzazione stava affrontando.Questa messa a punto nonché collaudo dei sistemi fa sì che il team ottenga un'esperienza eccellente in un'ampia gamma di temperature ambientali. Non ci si limita a svolgere prove nel deserto, ma anche in condizioni di temperature sotto zero nel nord della Svezia. Ogni dettaglio, dalla pre-climatizzazione dell'abitacolo alla velocità delle ventole, viene testato e perfezionato in diverse località per ottenere un'esperienza ottimale dal punto di vista della temperatura nell'abitacolo.

01/02

"Al raffreddamento dell'abitacolo si aggiunge anche la sfida del raffreddamento della batteria. L'intero sistema di raffreddamento deve mantenere le temperature corrette per il pacco batterie e per l'abitacolo stesso. Il team ha un'enorme varietà di cose che possono richiedere energia per il raffreddamento, quindi passiamo settimane e perfino mesi a discutere le strategie per garantire l'efficienza, il comfort dell'abitacolo e il raffreddamento della batteria migliori possibili".Questa visione dall'alto dell'intero sistema dell'auto consente al team di collaudo di fornire strategie e software di cui i clienti non si accorgeranno neanche. Se tutto viene svolto correttamente, sarà davvero possibile guidare il proprio veicolo elettrico nel deserto a 50 gradi in totale comfort. Quindi, ecco un omaggio ai nostri ingegneri che, nel deserto rovente, con la crema solare e il cappello in testa, sono intenti a sviluppare un software di cui speriamo non ti accorgerai mai.

Argomenti correlati

Polestar 3 under modern structure

Grande auto, impronta ridotta: ecco perché la Polestar 3 sta cambiando il modo di vedere i SUV.

Non sorprende che i SUV siano ovunque. Essendo uno dei modelli di auto più venduti al mondo, è facile innamorarsi di questi versatili e pratici Sports Utility Vehicle. Dal trasporto dei bambini all'allenamento di calcio, fino alla scalata delle catene montuose in Asia centrale, ogni luogo, destinazione e occupazione ha bisogno di veicoli di grandi dimensioni, pratici e sicuri. Tuttavia, la loro popolarità ha un prezzo. Perché il tipo di auto più amato al mondo è anche uno dei maggiori responsabili delle emissioni di CO2.