Ricarica ecologica: garantire che i veicoli elettrici raggiungano il pieno potenziale

L'energia può assumere numerose forme: termica, radiante, negativa o positiva (vince l'ottimismo). Lo stesso vale per l'energia immagazzinata temporaneamente nella batteria del tuo veicolo elettrico. Può essere ecosostenibile o non esserlo affatto. Dipende da come ricarichi l'auto.

In qualità di consumatrice o consumatore, cambiare la tua auto a benzina con un'auto elettrica è una delle tante misure che puoi adottare per amore del clima. Indipendentemente da come la ricarichi. Tuttavia, dobbiamo assicurarci che i veicoli elettrici possano raggiungere il loro pieno potenziale. 

Le auto elettriche, così come gran parte dei prodotti, hanno un'impronta di carbonio creata principalmente durante la fabbricazione. Sebbene l'impronta di una Polestar 2 sia inferiore a quella di un veicolo comparabile dotato di motore a combustione interna (MCI), a prescindere dal tipo di ricarica, l'impronta di un veicolo elettrico continuerà ad aumentare per tutta la sua vita utile, se ricaricato con energia da combustibile fossile, come carbone o petrolio. Se invece la ricarica è con energia verde, alla fine si può annullare l'impronta di carbonio creata durante la produzione, risultato non ottenibile con un veicolo MCI.

È evidente che passare all'ecosostenibile è la strada giusta.

Tuttavia, questo passaggio può essere più difficile di quanto si pensi.

Un recente studio ha dimostrato che il mercato delle ricariche di veicoli elettrici manca di trasparenza, e i dati disponibili suggeriscono che solo una bassa percentuale di stazioni di ricarica a livello globale è gestita con energia proveniente da fonti rinnovabili. La percentuale di energia verde nell'infrastruttura di ricarica di un Paese può anche essere inferiore al mix energetico complessivo del paese, ossia alla gamma di fonti di energia disponibili. 

Che cosa significa questo allora, di fatto? Significa che il proprietario di un veicolo elettrico che ricarica l'auto nelle stazioni di ricarica pubbliche potrebbe non guidare a emissioni zero come potrebbe pensare.

La risposta è (spoiler alert) la trasparenza. Affinché i consumatori prendano posizione contribuendo a creare un movimento d'azione per il clima, i gestori delle stazioni di ricarica devono essere trasparenti sull'energia che forniscono alla rete. Senza questo dato, non possiamo affrontare il vero nemico: il cambiamento climatico. 

Ci sono vari tipi di energia: elastica, chimica, gravitazionale. Tuttavia, solo l'energia verde può offrirci un futuro con una mobilità a impatto climatico zero.

 

Argomenti correlati

Een Polestar 2 met racestreep

BST edition 270 FTW: la Polestar 2 orientata alle prestazioni

Le prestazioni sono relative. Per la maggior parte delle persone, correre 100 m in 20 secondi sarebbe un risultato notevole. Per Usain Bolt, invece, sarebbe una delusione. La Polestar 2, con la sua esperienza di guida olistica, intuitiva e altamente ingegnerizzata, è già un veicolo elettrico performante sotto diversi punti di vista. La BST è una versione della Polestar 2 che porta le prestazioni a un livello mai visto prima.

Non perderti le ultime novità Polestar

Le nostre newsletter sono un concentrato vitaminico di tutte le fantastiche novità Polestar: notizie, eventi, informazioni sui prodotti e altro.

Iscriviti
Polestar © 2022 Tutti i diritti riservati
Cambia località: