Cinque domande ad Arlena Amiri

Arlena Amiri, Responsabile delle operazioni di Polestar 0, ci parla di come trasformare le grandi idee in obiettivi tangibili e di come non sia più necessario rimanere in disparte nella rivoluzione verso la sostenibilità.

Arlena Amiri standing in front of a glass building.

Recentemente è stata nominata Responsabile delle operazioni Polestar 0. Congratulazioni! Ce ne parli un po'.Dopo aver creato il reparto di Ingegneria avanzata e aver portato a regime le operazioni con i nostri straordinari esperti e leader, ho assunto un incarico simile con il progetto Polestar 0. In questo nuovo ruolo, la mia ambizione consiste nel creare le condizioni necessarie ai nostri leader di ricerca e partner per fornire un'auto a impatto climatico zero entro il 2030. In parole povere, questo significa eliminare tutte le emissioni da ogni aspetto della produzione.Per me, questo è un progetto ingegneristico in tutto e per tutto. Richiede la mappatura di tutte le fasi del processo, l'identificazione delle emissioni, la comprensione delle sfide, la messa in discussione di vecchie verità e abitudini e la ricerca di soluzioni diverse per eliminare le emissioni. Si tratta di capire il nocciolo del problema, di essere creativi nel nostro approccio e di testare diverse ipotesi per trovare le soluzioni che sappiamo essere disponibili.Dal punto di vista della diversità e dell'inclusione, questo progetto richiede apertura, umiltà e determinazione. La collaborazione intersettoriale, interdisciplinare e con partner testardi, dediti e con la nostra stessa visione, è la chiave del successo.Come si confronta la realtà del suo lavoro con ciò che la gente pensa che lei faccia?Che cos'è l'ingegneria avanzata? Che cos'è l'innovazione? Cosa significa 0 GHG? E come si calcola? Tutte queste sono domande che mi vengono spesso fatte. Alcuni potrebbero pensare che si tratti solo di workshop, presentazioni, sviluppo di strategie e pianificazione pensando al futuro, il che in parte è vero. Ma c'è molto altro. Dobbiamo creare un ambiente che costituisca un terreno fertile per la creatività. Personalmente, sono molto pragmatica e orientata ai risultati. Per me è sempre stato importante scomporre il «quadro generale» in obiettivi e traguardi tangibili, definendo chiaramente cosa, perché, come, quando e chi.Credo fermamente nella necessità di avere una visione chiara, ma soprattutto credo nell'importanza di implementare le innovazioni non appena ci sono miglioramenti attuabili. Sono incoraggiata dall'onestà, dall'urgenza e dalla determinazione del progetto Polestar 0 a fare la differenza, senza perdere tempo con compromessi o scuse.Su cosa sta lavorando ora con il team di Polestar 0?Al momento, siamo in un'intensa fase di ricerca in cui, insieme ai nostri leader di ricerca e ai nostri partner, stiamo esplorando potenziali soluzioni per eliminare le emissioni individuate nelle linee di produzione dei nostri partner.Nel progetto Polestar 0, non abbiamo fornitori. Abbiamo dei partner. Questa è una distinzione importante, perché sottolinea l'impegno di collaborazione volto a eliminare le emissioni dalla culla alla tomba*. Inoltre, collaboriamo continuamente con esperti di varie discipline per condurre analisi delle lacune, assicurandoci di avere le partnership e le aree di interesse giuste. Non avendo tempo da perdere, la concentrazione e la disciplina sono essenziali.Cosa è successo o cambiato nel suo settore negli ultimi 10 anni?Come molti altri, ho iniziato il mio percorso lavorativo di ingegnera nell'era della tecnologia a combustione, e considero questa esperienza molto preziosa nel momento in cui ci prepariamo alla transizione nell'era elettrica. Dobbiamo comprendere la nostra storia, se vogliamo creare un futuro completamente elettrico e neutrale dal punto di vista climatico. Non è passato molto tempo da quando analizzavo le cricche dei pistoni, mi entusiasmavo per le tecnologie dei turbocompressori o calcolavo la coppia e la velocità per capire quale dimensione del motore si adattasse meglio a un determinato ciclo di guida. E facevo tutto questo per ottimizzare l'efficienza del carburante e ridurre al minimo l'impronta di CO2. In trasformazioni come queste, sperimentiamo l'attrito, ma l'attrito è solitamente un risultato naturale quando è richiesto il movimento.Cosa la rende fiduciosa nei confronti del futuro?Negli ultimi decenni, l'innovazione ha dimostrato la forza del genere umano quando uniamo le forze per il bene del nostro pianeta. E ora, vedendo il forte impegno dei nostri partner nel progetto Polestar 0, sono convinta che insieme siamo pronti a spostare montagne. Malcolm X una volta disse: «Se non ora, quando? Chi, se non me?» E credo che questo riassuma bene il concetto. Il mondo è arrivato a un punto in cui non è più bello aspettare passivamente un futuro migliore. Dobbiamo tutti fare un passo avanti e compiere azioni concrete verso un futuro neutrale dal punto di vista climatico.* Cradle-to-grave (dalla culla alla tomba) è una valutazione che considera gli impatti in ogni fase del ciclo di vita di un prodotto, dal momento in cui le risorse naturali vengono estratte dal suolo e lavorate (culla) attraverso ogni fase successiva di produzione, trasporto, utilizzo del prodotto, riciclaggio e, infine, smaltimento o riciclaggio (tomba).

Argomenti correlati

Tanja Sotka approaching her Polestar 2.

Beyond the Road: Tanja Sotka

Benvenuto/a al terzo episodio di "Beyond the Road", una serie di contenuti in cui mettiamo in evidenza le storie dei proprietari di auto Polestar di tutto il mondo. In questo episodio abbiamo incontrato l'agente immobiliare Tanja Sotka nei paesaggi remoti e sereni della Lapponia finlandese, dove trova conforto e dove ama vivere.