Notizie

Rivista 11.2

Le prove nella galleria del vento non implicano solo la presenza del vento. Per essere precisi, ci vuole un ventilatore da tre tonnellate, un tunnel di acciaio con un diametro di 11 metri e una lunghezza di 163, uno scambiatore di calore dalle dimensioni di un'intera parete, 24 ore di simulazioni al computer, innumerevoli turni da sei ore e una quantità di vapore e azoto liquido in quantità sufficiente per testare un'auto nella galleria del vento.

Tunnel del vento

Questi test vengono effettuati per verificare le prestazioni dell'auto in base a diversi criteri: inquinamento, aerodinamica, termodinamica, comfort climatico, efficienza energetica e ambiente interno. Questi criteri misurano tutto ciò che ha a che fare con il vento, dalle potenziali emissioni generate dal materiale utilizzato per realizzare gli interni dell'auto, alla combinazione di resistenza al rotolamento e dell'aria che l'auto deve superare per poter avanzare. Anche la Polestar 1 dev'essere sottoposta a questi test, come qualsiasi altra auto.

Dati in breve Lunghezza totale (area di prova): 74,55 m Ampiezza totale (area di prova): 29,90 m Lunghezza linea di mezzeria flusso d'aria: 165,30 m

Numerosi dettagli di design influenzano l'aerodinamica della Polestar 1, tra cui il più caratteristico è lo spoiler posteriore attivo. Questo spoiler posteriore, che si apre automaticamente quando l'auto raggiunge i 100 km/h e si ritrae a velocità inferiori ai 70 km/h, è una soluzione di design innovativa, volta a ottimizzare le prestazioni della Polestar 1, creando una deportanza sull'asse posteriore, e deve essere sottoposto a test durante le prove nel tunnel del vento. Un altro dettaglio di design degno di nota sono le griglie esterne inferiori. Incassate nella parte inferiore del frontale dell'auto, queste griglie sono in grado di aprirsi e chiudersi per raffreddare efficacemente le batterie e altri componenti elettrici.

Questi dettagli di design vengono testati sotto lo sguardo attento di Lennert Sterken, ingegnere analista senior e dottore in aerodinamica, affiancato da un team di addetti al tunnel del vento. "Certo, da un punto di vista aerodinamico, ci piace la combinazione tra il tetto basso e lo spoiler posteriore attivo" afferma Sterken a proposito della Polestar 1.

Da qui, la Polestar 1 affronterà ulteriori test al caldo soffocante del deserto dell'Arizona, poiché il tunnel del vento non offre tutte le condizioni necessarie per i test. Non basta il vento per testare un'auto nel tunnel del vento e la Polestar 1 ha superato brillantemente questo test. Restate sintonizzati per scoprire il Capitolo Tre, in cui vi riveliamo i dettagli delle prove sugli ammortizzatori.

Argomenti correlati

Polestar e Ionity

È possibile aggiungere valore anche rinunciando a qualcosa.

Polestar © 2021 Tutti i diritti riservati
Cambia località: