Notizie

1000 Miglia Green 2019

Design e prestazioni sono due facce della stessa medaglia. Nel design automobilistico, non basta essere cool*; ogni singolo dettaglio di design, oltre a essere gradevole dal punto di vista estetico, serve migliorare le prestazioni dell'auto. Questo è il Vangelo secondo Polestar. Vale la pena di ripeterlo, giusto per essere chiari: ogni elemento di una Polestar esiste per un motivo. Le prestazioni non vengono mai sacrificate a favore del design, o viceversa. Sono lo yin e lo yang, l'alfa e l'omega, e noi cerchiamo di superare i confini di entrambi.

Il settore automobilistico italiano condivide gli stessi valori. Nomi come Pininfarina e Bertone hanno reso celebre il paese nell'ambito del design automobilistico. E così hanno organizzato la 1000 Miglia. Questa competizione, definita "la più bella gara al mondo", da oltre 90 è un'autentica vetrina di innovazioni nel mondo del design e delle prestazioni. La 1000 Miglia, costituita da un circuito tra Brescia, la capitale e ritorno, è un vero e proprio punto di riferimento per il settore automobilistico.

Quest'anno ha visto la nascita della 1000 Miglia Green, una versione della gara riservata a veicoli elettrici e ibridi. Nata sia come omaggio e reinterpretazione della gara originale, questa carrellata di veicoli elettrici e ibridi (sia moderni che classici) è partita da Brescia il 27 settembre ed è giunta a Lainate il 29.

Per dimostrare una volta per tutte che il design e le prestazioni si incrementano a vicenda, il responsabile del design di Polestar, Max Missoni e l'editor di AutoBild, Stefan Voswinkel, hanno ottenuto il 2º posto con la Polestar 1 nella categoria ibridi (7º posto nella classifica generale).

*Perché ha un aspetto cool.

Argomenti correlati

La produzione della Polestar 1 giunge all’ultimo round

I pezzi da collezione sono considerati tali per tre motivi: la loro bellezza, il valore intrinseco che hanno per i loro proprietari e la rarità.

Polestar © 2021 Tutti i diritti riservati
Cambia località: