Notizie

Rivista 1

Qui alla Polestar siamo in pieno processo di ridefinizione. Ridefiniamo le prestazioni ben oltre alla semplice accelerazione lineare. Ridefiniamo l'esperienza di vendita con spazi in cui il personale è esperto nei prodotti e non lavora su commissione. E così via.

In svedese la stella del nord, o Polaris, è detta Polstjärnan. La traduzione letterale è "Pole Star", stella polare.

Ritrovare se stessi

Polestar è un'azienda fatta di persone con un'assoluta ossessione per i dettagli. Il prodotto è sempre al centro in tutto ciò che realizziamo, dai componenti del telaio, alle soluzioni in fibra di carbonio, alla tipografia. L'identità visiva del marchio Polestar è il risultato di questa passione. È creata allo stesso modo e con la stessa cura dei dettagli presenti in tutti i prodotti Polestar. Una confezione visivamente superficiale non sarebbe stata sufficiente a esprimere il nostro approccio perfezionista. Questo diario di bordo spiega come e perché è venuta al mondo la nostra identità.


Polestar è nata per liberarsi dalle convenzioni del settore automobilistico. Il marchio è sempre in cerca di nuove idee e tecnologie, per spingere i confini e porre il gruppo Volvo in prima linea non solo per l'innovazione tecnologica, ma anche nell'ambito delle esperienze cliente e della comunicazione digitalizzate.

"Far parte della famiglia Volvo ci offre un'enorme sicurezza, data dalla consapevolezza che possiamo dar vita alle nostre grandi idee grazie a processi di produzione e qualità. Il mondo dell'automobilismo sta cambiando. La connettività è un bene di prima necessità. Il car sharing e nuovi tipi di proprietà stanno ormai diventando la norma. Noi accogliamo con gioia questi cambiamenti. Saremo in prima linea. Polestar è la stella polare," afferma Thomas Ingenlath, Amministratore Delegato di Polestar. 

Essere un punto di riferimento per Volvo è una grande sfida. Tuttavia, Polestar è un marchio in grado di coinvolgere clienti diversi rispetto a Volvo ed è decisa a lasciare la propria impronta personale nel settore automobilistico.

Il nome

La stella del nord guida da secoli i viaggiatori nell'emisfero boreale. Come simbolo di guida, è una metafora ideale per un'azienda che sarà una pioniera, un punto di riferimento, per il gruppo Volvo. Lo stesso nome Polestar ha un significato concreto. In svedese la stella del nord, o Polaris, prende il nome di Polstjärnan. La traduzione letterale è "Pole Star", stella polare.

 Da anni, Polestar è un nome noto tra le persone che conoscono le auto Volvo ad alte prestazioni o gli appassionati di Coppa del mondo turismo. Il gruppo Volvo ha acquisito Polestar con l'intenzione di sfruttarne l'esperienza in prestazioni e ingegneria.

 Con questo nuovo obiettivo per il futuro, era importante per Polestar restare fedele al proprio passato, allo stesso tempo reinventando l'azienda per adeguarla alle nuove sfide. La metafora della "stella polare" resta un pilastro della mentalità Polestar. Rappresenta al contempo il retaggio del passato e l'ambizione di spingere i confini con auto ad alte prestazioni, orientate al futuro.

L'identità

La ricerca costante di miglioramento e la nostra mentalità progressista guidano le nostre ambizioni senza compromessi. In tutte le nostre comunicazioni, l'obiettivo è esaltare i progressi tecnologici e presentare i prodotti come autentiche opere d'arte, piuttosto che utilizzare il marketing tradizionale. Questo approccio può sembrare piuttosto esclusivo, ma non c'è modo migliore di puntare davvero tutta l'attenzione sui prodotti.

A rappresentare i principi di design alla base di tutti i prodotti Polestar sono tre elementi principali: Prestazioni, Purezza, Progresso, il tutto basato sugli scopi per cui è nato il marchio. 

Purezza nel minimalismo dei prodotti. Innovazione scientifica all'insegna del progresso. Prestazioni atletiche senza compromessi. 

La tipografia e la gamma di colori esprimono un minimalismo puro. L'approccio scientifico all'insegna del progresso è evidente nell'attitudine verso ogni cosa, dall'architettura alla precisione del simbolo a forma di stella.

Le prestazioni senza compromessi non riguardano solo il comportamento delle auto, ma sono anche evidenti nella cura dei dettagli e nella volontà di proporre sempre qualcosa di nuovo e migliore.

Grazie a questi principi, il team di Polestar ha trovato ispirazione e idee ben lontane dal settore automobilistico tradizionale e ha potuto scoprire elementi non convenzionali, che hanno dato origine a un equilibrio perfetto e ad attrezzi particolarmente utili.

L'identità visiva si applica a ogni aspetto dell'universo Polestar. Sulle auto stesse sono presenti sia il simbolo che il testo di marcatura. Gli eventi, gli stand e gli uffici seguono tutti gli stessi principi e così anche la cancelleria, le immagini e la configurazione delle auto online. La stessa, caratteristica attenzione alla tipografia e al colore si vede ovunque, dai cartelli ai biglietti da visita. La sobria coerenza nella realizzazione di ogni cosa è ormai parte integrante dell'identità e degli elementi visivi al tempo stesso.

Resta la leggera piega nella parte superiore, che dà un look tecnico e davvero unico, in un'epoca in cui i simboli di diverse aziende hanno un aspetto sempre più piatto e arrotondato.

Il simbolo

Per molto tempo, il simbolo Polestar si è visto sulle auto a marchio Volvo. All'inizio veniva rappresentato su un quadrato di plastica turchese, che i proprietari di una Volvo mostravano orgogliosi a tutti, per dimostrare che la loro era un'auto unica e ad alte prestazioni. Tuttavia, il colore era l'elemento principale di questa combinazione. Perciò, quando è venuto il momento di definire un nuovo look per Polestar, era chiaro che il simbolo doveva essere liberato da quello sfondo blu.

Rendere la stella un elemento libero avrebbe consentito di trovarle un bel posizionamento sulle auto. Ma era necessario dare una bella spolverata al suo look, per conferire forza al simbolo. Doveva rappresentare una firma unica, senza necessità di spiegazione. Doveva essere puro e minimalista, ma con una forte presenza.

Esistono moltissimi simboli e loghi che rappresentano una stella. Non è una novità neppure nel settore automobilistico. Consapevole di tutto ciò, il team di Polestar ha deciso di modernizzare la forma classica e lasciare che a fare da guida fosse l'attitudine Polestar, soppiantando il tradizionale modo di pensare del settore.

La stella venne ridotta a una serie di versioni, finché non rimasero solamente due ali, affiancate l'un l'altra in diagonale, con lo spazio nel mezzo a completarne la forma. Il leggero equilibrio verticale offre ancora più tensione, senza perdere la connessione. Il lato superiore di ogni sezione ha una piega diagonale. Questa stella tridimensionale è un vero gioiello, posizionata sulla superficie contrastante dell'auto, perfetta dimora per i lati leggermente ad angolo del simbolo. È semplicemente splendida, senza un briciolo di cromatura.

La versione della stella utilizzata per le comunicazioni ha la stessa forma e le stesse proporzioni. Resta la leggera piega nella parte superiore, che dà un look tecnico e davvero unico, in un'epoca in cui i simboli di diverse aziende hanno un aspetto sempre più piatto e arrotondato.

Il seguente video sull'evoluzione del simbolo mostra alcuni esempi di diverse proposte, avanzate durante il processo di sviluppo.

La tipografia

Per creare un'identità chiara e coerente, il team del marchio Polestar insisteva sulla necessità di scegliere un singolo carattere per tutti i canali. Questo carattere doveva essere unico, ma anche senza tempo, per poterlo utilizzare a lungo in diverse nuove applicazioni. Non esisteva una strategia precisa per sfidare le convenzioni nel settore automobilistico, ma il team era deciso a trovare un carattere neutrale, che potesse sfociare in aree diverse.

La soluzione più semplice sarebbe stata ignorare totalmente il problema di un nuovo carattere e utilizzare Helvetica, un carattere talmente comune e flessibile da essere adatto in molti casi. Nel primo ciclo di sviluppo è stato utilizzato proprio questo carattere ma è risultato troppo generico. L'aspetto della tipografia avrebbe colpito di più con uno stile più puro e moderno.

Il carattere Unica77 è diventato così la scelta più naturale. È un elemento molto importante, ma discreto, della nostra identità, utilizzato per prodotti, edifici, cancelleria e comunicazione. Persino Polestar, il nome dell'azienda, è scritto in Unica77.

"È un carattere dalle linee pulite, che rispecchia alla perfezione lo sforzo di mantenere tutto quanto il più semplice possibile. Di solito, creare qualcosa di semplice è molto più complicato, ma con Unica77 abbiamo capito che avrebbe totalmente soddisfatto le esigenze di Polestar. Quindi, non era necessario creare un nuovo carattere personalizzato, quando ne esisteva già uno perfetto," afferma Björn Kusoffsky, Amministratore Delegato e fondatore di Stockholm Design Lab, il nostro partner esterno responsabile della nostra identità creativa.

Questo carattere è importante non solo per come viene utilizzato. La tipografia tipica di Polestar prevede solo una dimensione e un peso. Questo look minimalista e coerente rafforza l'idea di un marchio orientato al futuro e, al tempo stesso, con ambizioni estetiche importanti.

Scopri di più sulla storia del carattere Haas Unica.

I colori

La gamma monocromatica di Polestar è una base minimalista, con pennellate di colore che aggiungono vitalità ed energia. Questo elemento, d'ispirazione digitale e atletica, trasforma una gamma di colori apparentemente monotona in qualcosa di straordinario e potente.

La base è il bianco Polestar, utilizzato dappertutto per il suo carattere puro, semplice e luminoso. È anche un colore molto pratico, su cui risaltano i minimi dettagli. Il nero Polestar, invece, è la perfetta incarnazione dell'eleganza e dello stile. Insieme, il bianco e il nero evocano una semplicità senza tempo e rendono un sobrio omaggio ai riferimenti cosmici del marchio.

La scala di grigi Polestar è utilizzata per i colori aggiuntivi e comprende tutta la gamma disponibile tra i due estremi, bianco e nero. I tocchi di colore risaltano sulle Polestar, ma solo quando serve. In generale, la gamma di colori è sobria, senza riferimenti a un colore specifico per il marchio, così come tutti gli altri elementi che costituiscono Polestar.

Il team voleva inoltre marcare la differenza di colore tra i materiali e il web. L'oro è l'esempio migliore di un colore che può essere utilizzato solo su un materiale fisico, che consente di pigmentarlo e sfumarlo.

Tutti i tocchi di colore vengono utilizzati in modo da non dominare mai su un'immagine o in una sala esposizioni. In tal modo, offrono a Polestar la libertà e un carattere forte con un'integrità senza pari.

Abbiamo deciso di dare una svolta al marchio, renderlo un elemento di design e di branding, piuttosto che nasconderlo.

Il principio del marchio

L'approccio puro e senza compromessi al design di prodotto, che trae maggiore ispirazione da altri settori rispetto a quello automobilistico, ha alimentato il nostro desiderio di utilizzare la grafica in modi totalmente nuovi. Nel settore automobilistico tradizionale, le auto sono marchiate con loghi ed emblemi cromati, quasi per nulla legati ai prodotti su cui compaiono. I designer di Polestar, invece, hanno voluto integrare fin dall'inizio la grafica e la tipografia nel design di prodotto.

Il nostro team ha voluto trovare uno strumento visivo in più, che fosse semplice, descrittivo e applicabile in diversi contesti. Questo principio ha acquisito una grande importanza anche per la mentalità scientifica di Polestar, poiché il marchio è diventato un elemento naturale ben al di là del prodotto, ad esempio sugli edifici o sugli inviti a un evento Polestar.

Come qualsiasi altro fabbricante di prodotti, Polestar è tenuta a seguire le norme internazionali sui marchi d'origine dei beni importati/esportati. Questi devono includere le specifiche dei materiali, i numeri di registrazione dell'articolo, la specifica "made in" e altri dettagli.

Durante il processo di sviluppo dell'identità visiva, il team del marchio iniziò a valutare l'idea di utilizzare il principio del marchio per altri scopi oltre a quelli normativi. I principi del marchio sono assolutamente funzionali, senza tempo e trasparenti, perciò perché non applicare la stessa filosofia anche all'identità visiva?

Con questa intuizione, il team del marchio ha prestato particolare attenzione a come presentare il marchio sul prodotto, applicandolo ad altre aree di comunicazione. È stato l'inizio di ciò che poi è diventato il Principio del marchio Polestar in Unica77, con l'aggiunta di un piccolo ma importante elemento: il trattino lungo.

"Ogni dettaglio dell'auto ha il marchio d'origine stampigliato sopra in qualche modo. Abbiamo deciso di dare una svolta al marchio, renderlo un elemento di design e di branding, piuttosto che nasconderlo. In parte perché crediamo che queste informazioni siano rilevanti per il cliente e in parte perché Polestar è un'azienda d'ispirazione high-tech con soluzioni uniche. Il Polestar Lock-up si trova non solo all'interno e all'esterno delle nostre auto, ma anche nei laboratori e negli uffici. È semplicemente un modo molto efficace di descrivere un oggetto o un luogo. È molto diretto, solo alcuni dati messi in ordine," afferma Pär Heyden, Responsabile del marchio di Polestar.

Argomenti correlati

Polestar intends to go public

Polestar has never gone it alone. We’ve had plenty of collaborators, kindred spirits, and fellow EV enthusiasts with us on our journey towards sustainable electric mobility. And now, in Gores Guggenheim Inc., we have a new partner. One with whom we intend to go public, pursuant to a business combination agreement which we have signed.

Polestar © 2021 Tutti i diritti riservati
Cambia località: